Video Artisti


Il video artista non ha diritti d’autore, non ha prevenzione sociale, non ha uno statuto a cui affidarsi.

  1. le problematiche inerenti la produzione videoartistica, quali raccolta e gestione fondi, assicurazione e prevenzione delle figure professionali che collaborano alla produzione delle video opere (tecnici, macchinisti, attori, musicisti, montatori….). Ad oggi nulla di tutto questo viene regolato da una qualche norma giuridica specifica, la produzione dell’opera è affidata dunque e unicamente all’anticipo contanti da parte del gallerista e da collaborazioni gratuite di “piacere”. 

Non esiste un posizionamento fiscale, assicurativo e previdenziale che trovi riscontri di sorta nel mondo della produzione artistica video, creando alla fine una sorta di promiscuità di collaborazioni non regolamentate e occasionali.

  1. Non esiste nessuna norma vigente per regolare il Diritto d’autore del video artista; questo significa che l’esposizione di un proprio video all’interno di un museo istituzionale non genera alcuna fonte di reddito.
  2. Non esistono sovvenzioni statali per l’aiuto alla produzione di opere video.

Riteniamo dunque utile far chiarezza sul problema che vive un video artista nel momento in cui non gli è data la possibilità di essere in regola (appunto perché non esistono norme che regolino il mondo video artistico) e dunque di lavorare in un terreno anarchico senza  sovvenzioni, reddito, prevenzione sociale.