Eva vs Iva

Soprattutto oggi, a seguito delle difficoltà portate dalla pandemia ad una categoria priva di cittadinanza ed endemicamente precaria, quella degli artisti visuali e scultori, c’è bisogno di un serio piano di sostegno.

Lamentando la mancanza di attenzione ai diplomati delle Accademie e a quanti vivono o sopravvivono con la professione artistico pittorica e scultorea, abbandonati a sé stessi, noi dell’UGL Creativi proponiamo al Governo un valido sostegno di Stato con l’Esenzione Valore Artistico (EVA) al posto dell’IVA.

Senza nulla togliere all’artista, l’acquirente di opere d’arte versa la percentuale corrispondente all’Iva presso un fondo pubblico per gli artisti che serva a sostenere il “Reddito di Cittadinanza Artistica” (soggetto ad una compensazione basata sul reddito) per una categoria di lavoratori precari endemici ma non disoccupati.

Prendendo ad esempio buone pratiche come gli artisti stipendiati in Norvegia, la possibilità di pagare le tasse di successione con opere d’arte in Francia, il pagamento delle tasse, da parte degli artisti, con opere d’arte in Messico.

Proponiamo Agevolazioni fiscali e Contributi, analogamente ai settori cinematografico e alle attività dello spettacolo dal vivo, anche per gli artisti (ad iniziare dal sostegno alle spese sostenute dalle famiglie di studenti d’arte, primi mecenati); si tenga presente altresì, che esiste una Direttiva Cee, la VII dell’11 gennaio 1978, modificata dalla proposta della XIX Direttiva del 5 dicembre 1984, che prevede per gli artisti la “totale” esenzione dell’IVA per la cessione di opere d’arte; tale Direttiva però non è stata recepita dall’Italia.

UGL Creativi seguirà la II edizione del Marettimo Italian Film Fest

Il sindacato UGL Creativi seguirà la II edizione del Marettimo Italian Film Fest – We love the sea, il festival dedicato al cinema italiano e al mare che si svolgerà a Marettimo, isola dell’arcipelago siciliano delle Egadi (Trapani) dal 20 al 24 luglio.
questo importante evento dove il cinema sarà protagonista con le proiezioni di documentari, film e cortometraggi a cielo aperto dedicati al mare e alla valorizzazione dell’ambiente marino, tra cui anche 9 produzioni messe a disposizione dal National Geographic, ma anche appuntamenti culturali dedicati all’ambiente e alla tutela del mare.

Continua a leggere UGL Creativi seguirà la II edizione del Marettimo Italian Film Fest

CINEMA – Virzì (UGL Creativi Sicilia): “da nuovo decreto ancora smacco alle sale

“Non finiremo mai di stupirci, il 26 aprile come avevamo previsto per il Cinema è stata una falsa ripartenza non poteva che essere così un vero e proprio flop, condizioni di’ riapertura impossibili e mancanza di film in prima visione.
Adesso arriva dal Ministero della Cultura un nuovo decreto che prevede sino al 31 dicembre 2021 che i film potranno essere distribuiti nelle piattaforme streaming in piattaforma dopo 30 giorni dall’uscita in sala, la riteniamo l’ennesima scelta irresponsabile del Governo Nazionale”.
A dichiaralo è Filippo Virzì, Segretario Regionale in Sicilia dell’UGL Creativi.
“Il nuovo decreto – spiega Virzì – in poche parole riduce le Windows da 105 a 30 giorni, pertanto il Ministro Franceschini ha peggiorato le condizioni a vantaggio delle piattaforme streaming che non hanno sede in Italia e che non hanno un indotto straordinario di lavoratori con le loro famiglie, così come nelle Imprese delle Sale Cinematografiche Italiane le quali hanno una filiera lavorativa che rischia di essere seriamente compromessa”.
“Pertanto – conclude Virzì – un Film può uscire in streaming solo dopo 30 giorni dalla proiezione in prima visione nei cinema, un tempo inaccettabile, troppo breve, il Ministro nonostante le numerose istanze delle Associazioni di categoria sembra ancora non volere ascoltare le buone indicazioni e non vedere che tutto cio’ procurerà un effetto devastante sulle presenze in sala del pubblico con un crollo stimato del 60% , quanto decretato lo riteniamo irricevibile i prossimi otto mesi a queste condizioni metteranno in serio pericolo la ripartenza industriale delle sale cinematografiche se non arrivera’ un serio cambio di marcia”.
(ITALPRESS).
02-Mag-21 10:34

Progetto-evento di valorizzazione artistica per il borgo di Farnese (VT)

L’idea di riqualificare e valorizzare il nostro patrimonio culturale attraverso l’arte spontanea e solidale è un’idea di futuro.
Il progetto “Vivere nelle favole” promosso dall’associazione Archi-VA si terrà dal 26 luglio al 7 agosto 2021 a Farnese (VT) con il patrocinio del Comune.

Progetto-evento di valorizzazione artistica per il borgo di Farnese (VT) in occasione del 50° Anniversario delle riprese de “Le Avventure di Pinocchio” di Luigi Comencini – Dal 26 luglio al 7 agosto 2021
Scopo dell’iniziativa: valorizzare promuovere i set del film a Farnese attraverso la pittura spontanea, creativa e solidale.
Premi per i primi classificati: 250 €, 150 €, 100 €
Età: 16 anni in su
Presenza minima: 5 giorni
Importanti agevolazioni di soggiorno per i non residenti
Corso intensivo pratico e teorico di pittura
Per partecipare: inviare un bozzetto ispirato al film “Le Avventure di Pinocchio”, richiamandosi ai personaggi, o i luoghi e i costumi, a progetti@archi-va.org
Termine presentazione domande: 15 maggio 2021

Maggiori info scrivere a progetti@archi-va.org
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/groups/3763085800441071
https://www.facebook.com/groups/3532223597003328 (gruppo pubblico)

Siae a sostegno dei musicisti

Gentile Autore,

nell’ambito delle iniziative assunte dal Governo per il ristoro e sostegno del settore della musica dal vivo e degli autori, artisti interpreti ed esecutori, il Decreto del Ministro della Cultura del 3 marzo 2021 ha stabilito che siano gli Organismi di Gestione Collettiva, quale è la SIAE, a fare richiesta, per i propri autori, dei contributi ivi previsti secondo le modalità indicate dal Decreto n 191 del 2 aprile 2021.

La SIAE presenterà domanda per i propri autori (associati e mandanti) comunicando al Ministero della Cultura il numero di coloro che hanno percepito nel 2019 un reddito complessivo lordo inferiore ad euro 75.000,00.

Per poter partecipare alla ripartizione del contributo, La invitiamo a compilare e inviare on line l’autodichiarazione relativa al Suo reddito 2019 entro il 15 maggio 2021.

Compila qui il form online.

Chiari capitale del libro 2020

Chiari in provincia di Brescia (Lombardia) è la “Capitale italiana del libro” per il 2020. 

Il Consiglio dei Ministri ha approvato la proposta del Ministro per i Beni e per le Attività Culturali e per il Turismo, Dario Franceschini, di conferire al Comune di Chiari in provincia di Brescia, uno dei più colpiti dalla epidemia da Covid-19, il titolo di “Capitale italiana del libro per l’anno 2020”.

“Così come è accaduto per il titolo di Capitale Italiana della Cultura – che ha tratto ispirazione da quello di Capitale Europea -, anche la “Capitale italiana del Libro” genererà meccanismi virtuosi capaci di sviluppare progetti culturali, coinvolgenti e innovativi” ha dichiarato il ministro Franceschini.

Continua a leggere Chiari capitale del libro 2020

Teatro – il futuro passi dal mondo reale

«Purtroppo si sta diffondendo il malcostume nel mondo del teatro di pensare a prestazioni sempre e solo a titolo gratuito, questo è l’effetto streaming con formule di intrattenimento o informazione online a costo zero; il gioco è sempre al ribasso economico o alla gratuità, insomma alla luce dei fatti, oltre il danno, la beffa per i teatri».
A denunciarlo è Maria Calabrese, Segretario Provinciale dell’UGL Creativi di Palermo.
«Lavorare quasi gratis, era già una prassi consolidata nel passato nel teatro italiano, adesso nel clima di tragica emergenza che ci attanaglia sembra che il gesto generoso stia diventando la norma».
«Dobbiamo salvare il Teatro e tutti si suoi lavoratori» così rilancia Maria Calabrese.
«Il Ministro Dario Franceschini ipotizza un Netflix della Cultura – conclude Calabrese – ovviamente disapproviamo la sua idea, il Teatro non può subire la metamorfosi on demand, Teatri d’Opera, di Prosa, Teatro Ragazzi, centri di ricerca, residenze, sono i punti fermi della nostra vita e garantiscono Presidi Culturali nel tessuto urbano e sociale, gli stessi vanno sostenuti attraverso finanziamenti straordinari e finanziamenti ordinari garantiti sul medio e lungo termine, solo in questo modo si potrà puntare sulla rinascita dei teatri e con essi alla tutela di tutti i lavoratori» .

«Un sistema misto – conclude il Segretario Nazionale dell’UGL Creativi Giuseppe Cocco – un po’ come nel calcio, con interventi di sponsorizzazione, dirette streaming e pagamento dei diritti da parte delle televisioni che trasmettano anche in differita gli eventi teatrali potrebbe essere a nostro avviso il giusto compromesso fra il teatro reale e il teatro on demand di prossima generazione».

Editoria: Radio TV Locali, UGL Creativi “Salvare le 900 Aziende del settore”

«Esprimiamo tutta la nostra più grande preoccupazione per le sorti della rete di comunicazione radiotelevisiva locale, il Parlamento, il Governo, i Presidenti delle Regioni e i Sindaci devono rendersi conto che questo sistema se non adeguatamente sostenuto rischia di fallire con le 900 aziende del settore le quali in Italia costituiscono, grazie alla dislocazione in ogni luogo di radio e tv locali, un modello unico al mondo proprio per il fatto che assicura, fino all’ultimo cittadino in ogni angolo del Paese, il necessario mezzo di comunicazione e di informazione».
A dichiararlo è Filippo Virzì, Segretario Regionale dell’Ugl Creativi in Sicilia.
«Il Servizio di pubblica utilità deve sopravvivere e per riuscirci oggi ha bisogno di aiuto – spiega Virzì – l’Italia ha una rete di comunicazione locale unica al mondo, il Governo provveda a erogare alle piccole e medie emittenti locali, escluse dal contributo del decreto legge 34/20 o che hanno preso somme insignificanti, un congruo bonus pari al 90% delle spese di esercizio iscritte a bilancio nel 2019. Si riveda con urgenza il DPR 146/17 che assegna il 95% dell’85% del fondo del Pluralismo alle prime 100 emittenti televisive in graduatoria SICEM lasciando fallire le altre 900 radio tv locali.
Anche quel 15% assegnato alle radio è assolutamente insufficiente ed andrebbe innalzato al 30% del fondo per affrontare il cambiamento tecnologico del DAB+».
«Non dimentichiamoci – conclude Virzì – delle radio e tv comunitarie del sociale e del volontariato, siamo ancora in tempo a mantenere in vita tale prezioso patrimonio nazionale, rimandare potrebbe essere già troppo tardi».

VACCINO: UGL Creativi “Aprire dopo le Chiese anche le Sale Cinematografiche”

Palermo – “Se dopo le Farmacie arrivano le Chiese per la somministrazione dei vaccini, perché non ridare respiro riaprendo anche le Sale Cinematografiche ed autorizzarle per l’inoculazione?”.
Così Filippo Virzì, Segretario Regionale dell’Ugl Creativi.
“Voglio ricordare – aggiunge – che le Sale Cinematografiche erano state riaperte al pubblico l’estate scorsa con cospicui investimenti necessari per implementare le misura di sicurezza, come il controllo dei flussi di accesso e di uscita per evitare assembramenti, il distanziamento sociale sia negli spazi comuni che negli Auditorium, sistemi di aerazione adeguati, uso di prodotti sanificanti per tutto il perimetro, pertanto le ritengo perfettamente adeguate e pronte.
Inoltre considerata la diffusione capillare dei Cinema nel nostro paese e per come sono stati ristrutturati, possono essere adattati alle eventuali altre necessità specifiche che il processo di vaccinazione richiede”.
“Un esempio viene dall’estero – conclude Virzi – in alcuni Paesi il gruppo Odeon Cinemas, leader europeo nell’esercizio cinematografico e la società cui appartiene lo stesso UCI che ha inoltrato analoga richiesta alle autorità sanitarie nazionali per un progetto similare, ha già firmato accordi con i rispettivi enti competenti per dare il proprio contributo al piano vaccinale”.
(ITALPRESS) 02-Apr-21 16:01.

Intervista Radiofonica al Segretario Nazionale Ugl Creativi Giuseppe Cocco

L’intervista realizzata dal Giornalista Filippo Virzì spiega l’attività svolta dall’UGL Creativi il Sindacato per i Creatori di Bellezza.
Servizio radio trasmesso in tutta la Sicilia da Radio Italia Anni 60, Studio Più Sicilia e Radio Reporter 98.
(clicca qui per ascoltare)